RECENSIONE: Emma – Jane Austen

“Era troppo libera di fare tutto ciò che voleva ed era portata ad avere troppa stima di sè”

9788817147750_0_221_0_75Trama. Pubblicato anonimo nel 1816, “Emma” appartiene agli scritti cosiddetti “della maturità” di Jane Austen. Tema centrale nel romanzo è il fraintendimento in amore. Emma, la protagonista, rimasta padrona assoluta della casa dove vive dopo il matrimonio della sorella, si trova a gestire il piccolo mondo che le ruota intorno con una buona volontà alquanto presuntuosa. Accolta in casa una giovane ragazza, Henriette Smith, Emma cerca di maritarla adeguatamente. Tra i possibili pretendenti sceglie per lei Elton, il vicario del paese, inducendola a rifiutare al con tempo l’offerta di Martin, un rispettabile agricoltore del luogo. Ma ogni piano salta quando in realtà si scopre che Elton, in fondo un arrampicatore sociale, voleva invece sposare Emma. Fra i tanti personaggi che la circondano, l’unico in grado di dire la verità a Emma, e di farle notare i suoi difetti e le sue debolezze, è l’ amico Knightley, suo vicino e fratello maggiore del cognato. Alla fine sarà proprio lui a sposarla, mentre Henriette convolerà a nozze con il giovane Martin, precedentemente respinto. Anche in questo romanzo Jane Austen pone al centro della sua narrazione le atmosfere, i desideri e i vissuti della gentry inglese di inizio Ottocento, riuscendone a restituire gli odori e le dinamiche più profonde.

**•.¸♥¸.•*´💖💖´ *•.¸♥¸.•**

Parto dal presupposto che ero un pò prevenuta sulla figura di Emma.

Emma ha dei difetti: superficiale, egoista ma non cattiva; si non gli dispiace essere la prima ma almeno io non ho percepito questi difetti come volontari, anzi quando le viene fatto notare i suoi sbagli, riesce ad accettarlo e a cercare di cambiare.

Il suo più grande difetto però è la sua velocità di immaginazione, vede coppie dove non ci sono e non vede quelle che realmente esistono o potrebbero nascere. Si perché Emma ha l’abitudine di voler organizzare amori e matrimoni, nonostante le sia indicato di smettere perché sono più i danni che fa che la loro buon riuscita. Emma ce la mette tutta a smettere ma la sua fantasia corre sempre troppo.

emma-signor-woodhouse-k6t7p0

Alcuni personaggi sono veramente odiosi e li avrei strozzati se avessi potuto, tra tutti la signora Bates che ciarla per pagine intere!

tenor

Purtroppo non posso dire che questo romanzo mi sia piaciuto, ho faticato tantissimo a terminarlo! Più di quello che mi ero programmata! Le parole sono tante, talmente tante che risulta lento e noioso. Ho dovuto fare uno sforzo considerevole per portarlo a termine 😭.

Di 390 pagine quasi, ne bastavano 250 secondo me, sicuramente qualcosa poteva essere sacrificato rendendo così la lettura più scorrevole. Inoltre non riuscivo a capire dove la Austen volesse andare a finire, non capivo l’obiettivo finale di Emma ❓❓❓❓❓

c5b355af68672639fe6f057e3b7435d6

“Nonostante tutti i propri difetti, lei sapeva di essergli cara; o forse avrebbe potuto dire molto cara”.

Non succede niente di eccezionale per 300 pagine, è come se mancasse un pò di verve, di ironia e sagacia che la Austen ci ha fatto conoscere in altri suoi romanzi.

C’è un personaggio però che mi è entrato nel cuore, quasi subito, ed il signor Knightley ❤. Un uomo di poche parole, sicuro di se, premuroso e diretto.

emma-750x400

Non mi sento di consigliarlo come prima lettura, consiglio sempre di iniziare da Orgoglio e Pregiudizio, che, ad oggi, è ancora quello che preferisco in assoluto.

Ora mi mancano solo due libri per completare la mia lettura delle opere di Zia Austen: Mansfield Park e Juvenilia.

Come mi piace fare spesso dopo una lettura è vedere la sua trasposizione cinematografica, se esiste, e mi sono già guardata Emma, uscito proprio quest’anno. Devo dire che mi è piaciuto molto, soprattutto su come è stato impostato, più ironico che ha reso il film meno pesante di quanto il libro non fosse 😅

Voi cosa ne pensate di Emma? Quali opere vi mancano da leggere di Jane?

Voto finale: 📚📚

The Heart Is a Book ❤📚

Pubblicato da theheartisabook1

Cosa significa per me leggere? Leggere è una porta su nuovi mondi, aiuta ad aprire la mia mente e trasportarmi in luoghi dove, forse, non andrò mai, che non ho mai pensato di esplorare e che non esistono. Significa accrescere la mia cultura, leggendo i punti di vista degli scrittori e scoprirne di nuovi. La lettura porta emozioni di gioia, felicità, tristezza, amarezza , riso e pianto. Questo è ciò che rende speciale la mia lettura.

2 pensieri riguardo “RECENSIONE: Emma – Jane Austen

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

A.&V.travel

Live life with no excuses, travel with no regret.

H!stoire

Storia e Memoria

MICALIEN

music and journeys | la mia finestra sul mondo

Una sognatrice fallita.

...E anche oggi riproviamoci!

VGS LIBRI BLOG

Il dietro le quinte della nostra casa editrice

Free Trip Downl Hop Music Blog

Free listening and free download (mp3) chill and down tempo music (album compilation ep single) for free (usually name your price). Full merged styles: trip-hop electro chill-hop instrumental hip-hop ambient lo-fi boombap beatmaking turntablism indie psy dub step d'n'b reggae wave sainte-pop rock alternative cinematic organic classical world jazz soul groove funk balkan .... Discover lots of underground and emerging artists from around the world.

THE SECRET BOOKREADER

Il Blog del Lettore Segreto

Il Blog di Roberto Iovacchini

Prima leggo, poi scrivo.

Terracqueo

MultaPaucis

DomenickStyle

Love and My World

The Page After

Tutti i libri e i migliori fumetti pubblicati ogni giorno, recensioni settimanali e qualche curiosità.

Pensieri spelacchiati

Un piccolo giro nel mio mondo spelacchiato.

Gioia per i libri

Recensioni - Poesie - Aforismi

THE MESS OF THE WRITER

"SAPERE TUTTO DEL NULLA E NULLA DEL TUTTO." [If you're not italian, you have the possibility to translate all the articles in your own language, clicking on the option at the end of the home page of the blog]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: